prezzi energia elettrica
  1. Homepage
  2. Gruppo
  3. Per saperne di più
  4. Prezzi energia elettrica

Prezzi energia elettrica

Clienti domestici

Per molti anni, in passato, i prezzi medi italiani per le prime due classi di consumo hanno assunto valori inferiori rispetto a quelli mediamente praticati nell’Area euro, sia al lordo, sia al netto delle imposte e degli oneri generali di sistema, mentre per i prezzi delle classi successive, al contrario, si registravano valori superiori, anche con differenze particolarmente accentuate.

A partire dal 2017, e poi nel 2018, si è assistito a un processo di complessivo riallineamento e miglioramento dei prezzi finali dell’energia elettrica dei consumatori domestici italiani rispetto a quelli europei che, al netto di dinamiche congiunturali per la prima classe, sembra sostanzialmente confermarsi anche per il 2019 relativamente alle classi intermedie, pur in presenza di una riduzione, a svantaggio dei clienti finali italiani, del differenziale negativo di cui beneficiavano. Le classi a maggiori consumi interrompono tale processo per tornare alla situazione ante 2017.

Osservando più in dettaglio le dinamiche intercorse da un anno all’altro, nel 2019 i prezzi lordi italiani sono cresciuti in misura rilevante, intorno al 9-10% rispetto all’anno precedente per tutte le classi, a eccezione della prima (Fig. 1.12). Nell’Area euro i rincari sono stati più contenuti, con incrementi compresi tra il 2% e il 3%. All’origine di tali andamenti vi sono, per tutte le classi, aumenti più elevati dei prezzi netti italiani rispetto a quelli dell’Area euro, con valori intorno al +5%, a fronte del -2% circa dell’Area euro.

Clienti industriali

I prezzi medi italiani al lordo degli oneri e delle imposte continuano – come ormai dal 2015 e nonostante i maggiori rincari del 2019 – a non essere più quelli maggiormente elevati tra i principali paesi europei.

I consumatori industriali di energia elettrica del nostro Paese seguitano, infatti, a pagare prezzi più convenienti rispetto agli omologhi tedeschi, sia pure con differenziali negativi in netta contrazione in confronto al 2018. Infatti, la contrazione dei differenziali negativi è pari a circa il 10% (per la seconda classe si passa, per esempio, da -12% a -1%), ma è più elevata per l’ultima classe (per la quale il differenziale si contrae di 22 punti percentuali, da -36% a -13%).
Si mantiene un differenziale negativo anche rispetto alle ultime tre classi del Regno Unito, per quanto, anche in questo caso, in significativa diminuzione. La Spagna torna, invece, a essere più conveniente per tutte le classi, dopo che nel 2018 i prezzi italiani erano risultati più bassi per la prima e per l’ultima classe. Rispetto alla Francia i prezzi italiani restano, invece, spiccatamente più elevati, con i divari che si aprono ancora di più, fino a raggiungere valori intorno al +60% per le classi a maggiori volumi.

*I grafici e le elaborazioni provengono dall’Autorità di Regolazione per Energia, Reti e Ambiente (fonte ARERA-rel. Annuale 2020).

Si informa che questo sito utilizza solo cookie di terze parti. Pertanto, lo stesso non utilizza cookie proprietari per inviare messaggi pubblicitari agli utenti. Qualora desideriate continuare la navigazione di questo sito, si richiede di accettare l’utilizzo dei cookie. Leggi di più

OK