L’azienda a misura di bimbo: Green Network si racconta a Famiglia Cristiana

L’azienda a misura di bimbo: Green Network si racconta a Famiglia Cristiana

Che fare quando una mamma lavora e non sa dove portare i figli? Semplice: mette su un asilo. È quello che ha fatto Sabrina Corbo, vicepresidente esecutivo e fondatrice assieme al marito Piero Saulli di Green Network, il gruppo che dal 2003 opera nel mercato power&gas come grossista e fornitore su tutto il territorio nazionale e nella produzione di energia elettrica principalmente da fonti di energia rinnovabili, attraverso la gestione di impianti di proprietà.

L’Asilo Nido e Scuola dell’Infanzia “Le Fate Turchine” è nato nel 2008, si trova in mezzo al verde del Parco del Laghetto di Tor di Quinto a Roma, accoglie neonati (0-36 mesi) e bimbi dai 3 ai 6 anni e programma le attività didattiche oltre che in italiano anche in inglese e francese con il metodo Hocus & Lotus sviluppato dall’Università La Sapienza e certificato dal ministero dell’Istruzione. L’asilo è frequentato dai figli dei dipendenti di Green Network ed è aperto anche agli esterni. Molte le attività: il corso di cucina, il children’s parking, il corso di teatro in inglese.

“Il nostro obiettivo”, spiega Simone Pellegrino, amministratore di “Le Fate Turchine” e HR manager di Green Network, “è offrire un servizio educativo di qualità ai bambini e coinvolgere le famiglie”. Uno strumento è il Diario di bordo, un’applicazione web che consente ai genitori di conoscere le attività svolte dai bambini in tempo reale, durante l’arco della giornata. “Con il Diario sono più tranquilla” conferma Mariangela Pagone, una dipendente del Gruppo che usufruisce del servizio dell’asilo.

Clicca qui per il testo completo

Condividi

Si informa che questo sito utilizza solo cookie di terze parti. Pertanto, lo stesso non utilizza cookie proprietari per inviare messaggi pubblicitari agli utenti. Qualora desideriate continuare la navigazione di questo sito, si richiede di accettare l’utilizzo dei cookie. Leggi di più

OK